CONTINUIAMO A FARE IL PACCO ALLA CAMORRA

Per far nascere nelle nostre realtà qualcosa di nuovo

Mettiamo il caso di dover rispondere alla seguente domanda “Cos’è la mafia?” … come rispondereste …
… una delle prime cose che ci potrà sorgere in mente è, quasi sicuramente, che non siamo di fronte ad una risposta facile, tutt’altro, una risposta complessa e molto articolata, perciò è arrivato il momento di iniziare a documentarci, magari scovando qualche definizione attraverso i molti strumenti che oggi la tecnologia ci mette a disposizione, come Internet attraverso i suoi motori di ricerca, scegliamo poi di digitare, per esempio all’interno dell’enciclopedia online della Treccani, la parola “mafia” ed anche la frase “le altre mafie nel mondo”, la lettura di queste

TESTIMONIANZA DI P. FEDERICO: DIACONO PASSIONISTA

Vorrei comunicarvi in queste poche righe la mia gioia e la mia gratitudine al Signore per quello che ha compiuto e continua a compiere nella mia vita.

Il 16 aprile scorso, sono stato consacrato diacono, momento importante e carico di gioia, perché ancora una volta ho potuto sperimentare la grandezza di Dio e la sua infinità misericordia. Momento importante, ma non il più importante, perché qualunque sia il nostro compito all’interno della Chiesa, ciò che veramente conta

INCONTRO CORSO EVANGELIZZAZIONE

(G)iovane a giovane

Nei Detti dei Padri del deserto, c’è un aforisma provocatorio, ma molto significativo: «Un tale andò da un Padre del deserto e gli disse: “Padre mio perché al giorno d’oggi così tanti abbandonano la vita religiosa?”. Il vecchio monaco rispose: “Vedi succede come quando un cane ha visto la lepre. Si mette a correre dietro la lepre e abbaia forte. Altri cani sentono il cane che abbaia correndo dietro la lepre e anch’essi si mettono a correre: sono in tanti che corrono insieme, ma uno solo ha visto la lepre, uno solo la segue con gli occhi. E a un certo punto, uno dopo l’altro, tutti quelli che non hanno visto la lepre e corrono solo perché un altro l’ha vista si stancano e si fermano. Solo il cane che ha visto la lepre continua nella sua corsa, finché non l’acchiappa”. Allo stesso modo – conclude il monaco -  la perseveranza è impossibile senza un incontro personale con il Cristo Crocifisso. Solo coloro che hanno fissato gli occhi su di Lui continuano nel loro cammino».